Utilizziamo con Joomla! solo cookies tecnici, indispensabili per il funzionamento del sito. Questo tipo di cookies non necessita del consenso dei navigatori. Mentre utilizziamo cookies di terze parti per i banner pubblicitari e per raccogliere informazioni statistiche. Questo tipo di cookies necessita del consenso dei navigatori. Il consenso si intende accordato anche in modo implicito se l'utente prosegue la sua navigazione nel sito.

I cookies sono dei semplici file di testo non necessariamente invasivi. Per esempio se clicchi nel pulsante OK, ho capito! un cookie si installerà nel tuo browser e il sistema sarà in grado di capire che tu hai già letto queste note o che comunque conosci la materia ed eviterà così di mostrarti questo fastidioso avviso tutte le volte che cambierai pagina o nelle visite successive al nostro sito.

In questo sito come detto, oltre ai cookies tecnici utilizzo cookies che profilano e registrano le abitudini di navigazione degli utenti dato che pubblico annunci pubblicitari di google adsense e raccolgo le statistiche del sito con google analytics nonchè pubblico i pulsantini di condivisione di facebook, twitter e googleplus

Vai qui per approfondire la policy di google: http://www.google.com/policies/technologies/cookies/

Vai qui per approfondire la policy di facebook: https://it-it.facebook.com/about/privacy

Vai qui per approfondire la policy di twitter: https://support.twitter.com/articles/20170519-uso-dei-cookie-e-di-altre-tecnologie-simili-da-parte-di-twitter

Visita AboutCookies.org per ulteriori informazioni sui cookies e su come influenzano la tua esperienza di navigazione.

È comunque possibile disabilitare i cookies direttamente dal proprio browser. Per informazioni più dettagliate in riferimento alle opzioni di disabilitazione dei cookies ecco l'elenco dei link per la configurazione dei browser.

Ulteriori informazioni sulla disabilitazione dei cookie su Firefox
Ulteriori informazioni sulla disabilitazione dei cookie su Chrome
Ulteriori informazioni sulla disabilitazione dei cookie su Internet Explorer
Ulteriori informazioni sulla disabilitazione dei cookie su Safari
Ulteriori informazioni sulla disabilitazione dei cookie su Opera

Se desideri eliminare i file cookies eventualmente già presenti sul tuo computer, leggi le istruzioni del tuo browser cliccando sulla voce “Aiuto” del relativo menu.

                                                                                                                                          

Rosciolo, 1 luglio 2015

La ribellione continua, pacata ma determinata.

Insieme ad altri amici, questo inverno abbiamo cominciato a fare dei laboratori comuni, dove ognuno mette a disposizione quel che sa fare; per il sapone,il pane, la raccolta delle erbe spontanee, hanno partecipato anche i bambini… che è la cosa più bella. Un piccolo presidio di “decrescita felice” nella Marsica. Proprio in mezzo al Fucino.

Il primo maggio invece, in risposta all’inizio dell’expo, abbiamo deciso di iniziare a fare l’orto sinergico, davanti il casolare.

Il nostro maestro è Rocco, che di solito vive in Spagna ed ogni tanto viene a Rosciolo per qualche mese. Un gruppetto di amici (ed anche di sconosciuti, prima) ha lavorato con noi e con due giornate, l’orto è stato avviato. L’unione fa la forza. 

Oggi è primo luglio e già da una quindicina di giorni,abbiamo cominciato a raccogliere insalate; ieri c’erano anche le zucchine (siamo molto contenti considerato che siamo a più di mille metri e la notte è fredda anche d’estate) E’ una soddisfazione avere nel piatto le verdure del proprio orto (senza concimi, neanche naturali). Ma la soddisfazione più grande è guardarlo: veder crescere le piante, vedere la vita operosa che c’è sotto la paglia.

Stamattina abbiamo mangiato un po’ delle nostre ciliegie (la maggior parte la mangiano gli uccelli perché l’albero è altissimo). Sono piccolissime, un po’ acquose ma dolcissime. Non farebbero PIL, al mercato non  le comprerebbe nessuno. Ma a noi piacciono.  E a proposito…

abbiamo un progetto  che in effetti è già cominciato. Piantare alberi… Se, come ci proponiamo ne piantiamo uno al mese (in media) per dieci anni… prima di morire (?!?... mediamente ce la dovremmo fare) avremo un boschetto, da lasciare in eredità a questa terra.  Per il momento, ne abbiamo piantati quattro (susino, kaki, e due meli). 

Quindi cerchiamo alberi antichi… resistenti al freddo…  possibilmente da frutta;  chissà se c’è qualcuno che può aiutarci?

Potremmo comprarli o ancor meglio barattarli … se ne può parlare.

Notizie Dal Velino ...                                                                                                    

Rosciolo 11 luglio 2014

Ieri sera, sono venuti a casa nostra, rispondendo alla mia richiesta di avere una loro versione dei fatti, per ciò che è accaduto domenica 6 luglio alla fine della festa sul Monte Velino, tre soci attivi del GEV: W.,G., e  F.

Ero molto “arrabbiata” …

Devo dire però, che ci hanno messo la faccia! Molto dispiaciuti per l’accaduto, non hanno tentato di difendersi , ma di spiegare, dichiarando di aver sottovalutato l’affluenza dei partecipanti e di essersi trovati in  enorme difficoltà, facendo poi una SCELTA SBAGLIATA!

Dopo aver espresso con forza il nostro disappunto insieme  a due esponenti di due  associazioni ambientaliste presenti a casa nostra, (FAREVERDE e ALTURA), abbiamo deciso di pensare al futuro.

Questo avvenimento, e lo spero vivamente, sarà un nuovo inizio, fatto di coscienza e consapevolezza.

PRIMA PROPOSTA: (seguiranno presto altre iniziative)

A breve, probabilmente nella sala consiliare del Comune di Magliano de’ Marsi, organizzeranno un incontro INFORMATIVO, con Massimo De Maio dell’associazione FAREVERDE, sui rifiuti, il loro smaltimento, la loro pericolosità. La possibilità, con piccoli accorgimenti di produrli il meno possibile, anche in giornate di festa in montagna.

E allora, se da un grave errore nasce l’opportunità di una crescita personale e di una cultura alternativa per tutta la comunità … io sono molto meno “arrabbiata” e molto disponibile a dare la mia collaborazione, dove necessario.

Vi terrò informati.

p.s. resta comunque il fatto, secondo me, che la sig.ra P.D., e lo sottolineo, ha fatto con il suo intervento,il suo dovere di CITTADINA RESPONSABILE

DOMENICA 6 LUGLIO BRUTTA GIORNATA SUL MONTE VELINO                                                                                                                                       

Veramente la giornata era stata bellissima, ma la testimonianza di una giovane escursionista ci fa sapere che in vetta a quota 2000 metri, sono stati bruciati i rifiuti della giornata di festa (per lo più plastica) di tanta gente.

La mia prima reazione è  stata  di incredulità.

Ora dopo l’esposto che l’escursionista, testimone del gravissimo  fatto, ha inviato alle autorità preposte, ho contattato il GEV (gruppo escursionisti Velino) responsabile della giornata in montagna per avere la loro versione dei fatti.

 Non mi hanno ancora risposto … spero lo facciano presto … vi farò sapere. 

AUTOPRODUZIONE                                                                                                   

Giugno 2014 al Casolare Briciole di ... 

Abbiamo provato con la consulenza di Cristina a fare una crema idratante con cera d’api e olio extra vergine di oliva. Una decina di gogge di olio essenziale di lavanda ed ecco una ottima crema naturale per il viso, il corpo, le mani.

E non solo … un pomeriggio passato insieme sorseggiando una tisana!

Noi ogni tanto ci vediamo … puoi partecipare anche tu (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. )

VERDE SPERANZA                                                                                                                                                                                         

Rosciolo, 25 aprile 2014

Oggi, per caso, mi è capitato di vedere un’intervista di Al jazeera al Presidente Uruguaiano Josè Mujica.

Vi segnalo il link  http://www.youtube.com/watch?v=iC4eIUFSO2g; nel caso non lo conosceste, vi consiglio di guardare l’intervista (ed altri video a disposizione su youtube) … dovrebbe essere la normalità … ma non ci siamo abituati, quindi  mi ha prima commosso e poi dato un barlume di speranza … 

 

Mafalda le nostre notizie

 

Mostra tutte le Notizie 

 

 

Briciole di ... GIUSTIZIA                                                                                                                             

Oggi sarà una giornata impegnativa, come tutte le volte che ci arrivano le arance siciliane, che compriamo da Incampagna.eu. Sono per noi e per tutto il nostro Gruppo di Acquisto Solidale Integrati Marsica; vanno ricevute, smistate, distribuite...

Ho conosciuto Andrea Valenziani a Roma, un po’ di anni fa in un mercatino di Terra Terra e da allora è diventato il nostro fornitore di agrumi.

Ormai con altri suoi amici e conoscenti, ha creato una bella cooperativa di prodotti  bio, www.incampagna.eu, dove la manodopera non è sottopagata ed è trattata bene. Dove la mafia non mette il suo zampino

Mangiare le arance di Andrea è veramente un piacere. Quando le spremo per la colazione dei nostri ospiti, sono felice, perché sono buonissime e PULITE!!!

L’alternativa sarebbe il supermercato a 0,99 il kg … ma noi nei supermercati non c’entriamo quasi mai…

Rosciolo, 21 gennaio 2016

 

 

  Comincia un nuovo anno                                                                                                               

 

Non so come ricominciare dopo questo buco di informazioni dovuto alla mia pigrizia, non nello scrivere ma nel pubblicare.

 

Ora ho chiesto a Marco di supportarmi in questa operazione per riprendere pian piano una specie di diario e di considerazioni.

 

Lo scorso anno abbiamo avuto meno ospiti del solito. B&B, agriturismi, case vacanze sono diventati tantissimi in zona e a ragione, perché questi posti sono bellissimi, se uno ha la voglia di scoprirli.

 

Noi continuiamo a non fare pubblicità a pagamento, stiamo lontani di tripadvisor e fin’ora non abbiamo mai usato facebook per Briciole di…

 

Forse il passa parola, inteso proprio come parola, non si usa più. Perché in effetti gli ospiti che passano, la maggior parte delle volte, si dimostrano molto contenti dell’accoglienza, del posto, della colazione, delle stanze.  Il casolare pur se molto semplice, campagnolo, povero, a me dopo dieci anni continua ancora a sembrarmi bellissimo.

 

Possibile che non ci siano persone che la pensino come me? O semplicemente non riescono a trovarci? … in effetti non è facilissimo.

 

“Questo è un vero B&B!”,  come mi disse Marius, arrivando all’improvviso con la sua compagna sotto un temporale, la scorsa primavera e trovandomi con una mia amica a guardare un film con i piedi a mollo in un pediluvio ristoratore.

 

Un vero B&B, nel senso che è un casolare di montagna, dove noi abitiamo tutto l’anno. Con il sole, la nebbia, la neve, la pioggia, il gelo. In primavera come in inverno. In autunno come in estate.

 

Ci scaldiamo a legna con un termocamino. Non troverete mai caldissimo, avrete bisogno di un bel maglione pesante e di notte almeno di due coperte. Ma siamo in montagna. Due stanze grandi ,belle  a disposizione dei viandanti: a piedi, in bici, con cavalli, asini, cani. Anche in macchina si può venire, ma con lo spirito del viandante.

 

Un buon bagno, grande, pulito, luminoso, da condividere …

 

I nostri vicini in questo periodo?

 

I lupi, che a volte di notte si sentono ululare chiamandosi da una parte all’altra della valle. E i nostri cani in mezzo, che ricordando un richiamo ancestrale, non abbaiano più ma ululano anche loro.

Rosciolo, Santa Maria in Valle Porclaneta 13 gennaio 2016

 

 

 

 

 

                                                                                                                                                                                                                                      

Non abbiamo altra strada… (25 aprile 2015, mail per i miei amici) 

Un barcone con settecento migranti … affondato …
E qualche giorno fa un altro … e domani forse ce ne sarà un altro ancora.
Ormai la commozione dura un attimo. Ormai ci ho quasi fatto l’abitudine, anzi senza quasi.. 

Novembre … un po’ prima di Natale … 
il Natale che dovrebbe essere la ricorrenza della nascita di Gesù.Quel Gesù che anche a me, ha insegnato che siamo tutti fratelli.

“Mi sono un po’ ingrassata, prima di Natale mi metto a dieta”.. cosa c’è di meglio che fagiolini per ingerire meno calorie? Fagiolini? A novembre? Ma certo li coltivano in Africa! Per noi … grassi occidentali.
Più fagiolini per noi e meno terra per il grano, per loro ….

Una fragola sulla torta del nostro pargoletto … ma non è nato a maggio e neanche a giugno …magari potrei mettere una fetta di arancio se è di febbraio ….ma le fragole sono più belle

Un buon caffè al mattino …. Cioccolata a merenda … e una banana al bimbo o se vado a correre … alla mia fidanzata un bel brillante… piccolo c’è la crisi…

Questo ormai fa proprio parte della nostra vita da decenni … e lo sfruttamento che c’è dietro questi prodotti è inimmaginabile … e se sono del mercato equo solidale … lo sfruttamento c’è lo stesso, magari solo della terra, che potrebbe produrre per loro e non per noi.

Ma si… poi raccolgo un po’ di fondi e glieli mando …

Manifestazioni, comitati, discussioni fino a notte inoltrata … ci stiamo riempiendo di inceneritori e discariche che ci avvelenano l’aria e ci fanno ammalare … per i nostri opulenti “SCARTI”

Computer, telefonini… e varie che decidiamo di dismettere con grande velocità ….

“questi negri … che ci invadono ….perché non se ne stanno a casa loro … noi abbiamo tanti problemi…
Non c’è lavoro … tutti questi immigrati che ci portano via il lavoro…" …ma io ci andrei a fare la badante? Raccoglierei pomodori in Puglia, al sole, ad agosto …per pochi euro? Se loro lo fanno ci sarà pure un perché più profondo … 

Stralci di conversazioni di persone ignoranti … si, siamo noi gli ignoranti e non è un’offesa è che proprio ignoriamo… forse è ora di informarci, studiare , pensare…

Ricapitolando, queste mie frasi e considerazioni, che sembrano così disconnesse una dall’altra, e non lo sono affatto secondo me, ci potrebbero far capire che ogni piccolo gesto di vita quotidiana, se ci riflettiamo solo un po’, produce qualche mutamento anche a migliaia e migliaia di chilometri da noi. A seconda delle nostre scelte, a volte in bene, a volte in male … un po’ come un domino.

Quando questi gesti favoriscono lo sfruttamento di qualcuno anche molto lontano da noi e l’accaparramento di terre da sfruttare in vari modi come per esempio coltivare per esigenze consumistiche del mondo occidentale, frutta o verdura fuori stagione o i fiori … quelli che regaliamo per i compleanni etc si arriva sempre a guerriglie e guerre vere e proprie. Un gesto piccolissimo e spesso inconsapevole in Europa, una guerra in Africa.
Alcuni Paesi poveri, non lo sarebbero affatto se non li depredassimo. Oro, diamanti,petrolio e ora anche le terre.

Forse la prima cosa da fare quando ci alziamo la mattina è scegliere da che parte stare.
Lo so, cambiare abitudini è difficile, ma non abbiamo altra strada.

Antonella

                                                                                                                                                                                                                                       

da:http://comune-info.net/  25 giugno2015

E voi da che parte state?
di Saverio Tommasi*

 

Quando un uomo, perché di questo si tratta, arriva a nascondersi sotto un camion per raggiungere la terra promessa, per me ha ragione quell’uomo.

 

Poi ci sono i documenti, i bolli, le quote, i campi, i cazzi, i mazzi, Gasparri, i premier, gli equilibri, tutto quello che volete, insomma. Ma quell’uomo, che si nasconde in quel modo per affrontare un viaggio di speranza, avrà comunque ragione, anche se il timbro sul foglietto di carta che chiedono quelli che non hanno mai avuto problemi con i timbri sui foglietti di carta, non ce l’ha.

Perché se alziamo lo sguardo dal nostro ombelico e proviamo a posizionarci un po’ più in alto, diciamo verso la Luna, possiamo vedere un’unica Terra, con degli omini piccini picciò che ci vorrebbe un cannocchiale di quelli potentissimi per vederli, mentre litigano sul modo migliore per rinchiudere i loro fratelli in terre sfortunate avvalendosi di leggi che loro stessi hanno scritto.

Per questo io starò sempre con chi viaggia per cercare qualcosa di meglio, perché si chiama libertà.

 

                                                                                                                                                                                  

Pensieri rubati:    (Rosciolo 21 febbraio 2015)

CI HANNO FREGATO QUANDO DA PICCOLI CI INSEGNAVANO A COLORARE DENTRO I MARGINI

                                                                                                                                                                           

                                                                                                                                                                                                                                   

Qualcosa in questi pochi giorni è già successo. Un segno, un piccolissimo segno.

Sabato scorso, in un posto semplice ma bello, abbiamo iniziato una piccolissima “cosa”

ll posto si trova nel Fucino, (da poco ho scoperto che ha un grande fascino); un bel terreno, dove due nostre amiche Francesca e Daniela, educatrici cinofile, hanno iniziato un grande lavoro: rieducazione/educazione/gioco cani.  One Love .

E già questa mi pare una bellissima attività, che loro fanno con competenza e soprattutto amore.

Accanto al terreno c’è un piccolo locale, dove abbiamo già iniziato a fare un laboratorio sui saponi… ed è venuta tantissima gente. Io che lo conducevo insieme ad Emanuela ero un po’impacciata.(A casa mia ormai lo faccio da anni il sapone … ma senza pubblico, tranne a volte qualche amico.)

Però mi sono sforzata di trasmettere tutto  quel che sapevo, perché è importante. Non so se ci sono riuscita, ma sono contenta di averci provato.

Abbiamo, insieme ad un micro gruppo di amici, deciso di fare un laboratorio al mese, il prossimo sarà il Pane con pasta madre e farina di Solina, un grano antico e locale. Il 21 marzo, saluteremo così la primavera.

E così via, con altri laboratori, per tutto l’anno. L’ispirazione viene prima di tutto dalla nostra necessità di comunicare e  dalla filosofia della  “Decrescita Felice” e se qualcuno ci seguirà,  l’idea principale è quella di tessere relazioni e di cominciare a far circolare l’economia del dono. E’ utopia?

Rosciolo, 16 febbraio 2015

                                                                                                                                                                                                                                     

Eccomi con i miei pensieri  spettinati … sono così spettinati  che da tanto tempo non riesco a mettere giù una riga. Ora che ne ho la possibilità non ho niente da dire. Anzi meglio, avrei  tante cose da dire, ma non ho più le parole adatte. Continuo la mia vita, guardandomi intorno e cercando, cercando. Cosa, non lo so. Un’alternativa  e visualizzo una vita migliore (e non parlo solo di me). Lasciatemi sognare, senza sogni non vivo.

Una volta un po’ di anni fa quando ho deciso di andarmene da Roma ed avere una vita più tranquilla, diversa, che mi permettesse di scendere da una giostra scatenata,  ha funzionato. E sto benissimo in effetti qui. Oggi per esempio nevica, i cani stanno dormendo, di gatti me ne sono rimasti solo due (Sigh!) e se ne stanno rintanati chissà dove e le galline non sono nemmeno uscite dal pollaio. Quindi una sorta di isolamento dal mondo, poco lontano.

Ma sono di nuovo inquieta, mi sembra di non fare la mia parte  in questo mondo che sembra andare a rotoli.

Ieri sera, Daniel, il giornalista che per sette mesi se n’è andato in giro per l’Italia, documentando l’Italia che cambia, ha presentato ad Avezzano,il suo cortometraggio. (www.italiachecambia.org) …allora mi sono accorta (ma giuro che lo sospettavo da tempo) che di realtà (imprenditori, gruppi, comunità e singole persone) che stanno cambiando o che hanno cambiato rotta, tra mille e una difficoltà, ce ne sono tante anche in Italia. Ma proprio tante … migliaia… addirittura milioni ,censite e poi dico io,  quelle non censite, come noi per esempio.

Certo non facciamo chissà quali cose… ma solo piccole scelte di ogni giorno.

Piccole autoproduzioni per esempio, che ci tengono lontani dai supermercati, che ci fanno conoscere le persone, che ci danno la possibilità di vivere senza troppi scarti. Piccole scelte come quella di non usare la macchina o usarla veramente l’indispensabile… Ma è poco. Le relazioni restano isolate,  occasionali. Invece dovremmo lavorare insieme e migliorarci vicendevolmente, tutti i giorni.

Io mi rimetto a visualizzare il sogno … chissà forse succede che si avveri… d’altra parte una volta è già successo.

Rosciolo, Santa Maria in Valle P.

9 FEBBRAIO 2015

Che bella domenica mattina!                                                   13 luglio 2014                                                                                                                                                  Domenica, … è un po’ tardi, ma non ci sono ospiti ed il tempo è coperto, quindi non moriremo di caldo.

“Facciamoci una passeggiata in bicicletta”. Andiamo in macchina fino a Scurcola, facciamo un po’ di spesa dal nostro amico contadino Goffredo, con il furgoncino rosso, che ha le patate novelle. Parcheggiamo vicino il convento S.Antonio di comunità incontro, tiriamo giù le bici e andiamo. Una bellissima strada, frequentata pochissimo, un po’ asfaltata un po’ sconnessa, in mezzo ai campi coltivati e non … arriviamo subito a fonte Arnici, restaurata da poco.

Purtroppo anche qui notiamo che c’è un punto dove hanno bruciato rifiuti… speriamo almeno non la plastica…

Proseguiamo attraversando la campagna; arriviamo vicino Villa San Sebastiano, incontriamo qualche lento trattore e poi Fabrizio un giovane imprenditore, che ha deciso di fare il contadino- pastore. Facciamo due chiacchere, ma poi lui va via, perché deve “ricacciare” le pecore.

Si annuncia un temporale con vento e tuoni. Intanto arriviamo a Tagliacozzo, non piove.

In piazzetta, andiamo a trovare degli amici che hanno un negozio “La luna nel pozzo” di ceramiche,legno decorato (oggetti realizzati a mano da loro) ed altro. Troviamo Tonia. Due chiacchere anche con lei.

Decidiamo di tornare a casa, è quasi ora di pranzo. Stessa strada al contrario. In tutto 26 chilometri …

Che bella domenica mattina!

... dai diamanti non nasce niente dal letame nascono i fior  ...(Fabrizio De André)

POESIA:      Pensieri in Valle                                           

Passano le capre

Le pecore e i pastori

Passano gli anni

Sbocciano gli amori

L’amore per i monti

Per i fiori e gli animali

La natura sopravvive agli uomini e ai suoi mali

I piccoli son nati: aspettano la vita

I grandi dove sono? Gliel’hanno già rubata

Cerchiamo di fermarci

Viviamo in sobrietà

Ricordiamoci ogni giorno

Che un’altra terra non ci stà

Antonella (Rosciolo, 28 settembre 2012)

 PARLIAMO DI ORTI ... ma mica è così facile ...in ogni caso la mia insalata me la coltivo  da sola

POESIA:    Il mio orto

Il mio orto sta dormendo 

Non riesce a prosperare 

Non mi va proprio di arare 

Preferisco rinunciare! 

Chiamerei tutti gli amici 

Che mi aiutino a zappare 

Non si trovano quel giorno 

Sono andati tutti al mare! 

Se avessi una capretta 

Mangerebbe tutta l’erba 

E farei dell’orticello un giardino bello bello! 

Pianterei solo dei fiori 

Ma di tanti bei colori 

Per chiamare le farfalle 

Rosse, verdi, azzurre e gialle!

Rosciolo 29 settembre 2012 (Antonella) 

 

AAPensieri spettinati new

 

Mostra tutti i Pensieri 

Amici Animali

 

stop view Info
/
      ozio gallery by joomla.it

      Notizie Dal Velino ...                                                                                                    

       

      Rosciolo 11 luglio 2014

      Ieri sera, sono venuti a casa nostra, rispondendo alla mia richiesta di avere una loro versione dei fatti, per ciò che è accaduto domenica 6 luglio alla fine della festa sul Monte Velino, tre soci attivi del GEV: W.,G., e  F.

      Ero molto “arrabbiata” …

      Devo dire però, che ci hanno messo la faccia! Molto dispiaciuti per l’accaduto, non hanno tentato di difendersi , ma di spiegare, dichiarando di aver sottovalutato l’affluenza dei partecipanti e di essersi trovati in  enorme difficoltà, facendo poi una SCELTA SBAGLIATA!

      Dopo aver espresso con forza il nostro disappunto insieme  a due esponenti di due  associazioni ambientaliste presenti a casa nostra, (FAREVERDE e ALTURA), abbiamo deciso di pensare al futuro.

      Questo avvenimento, e lo spero vivamente, sarà un nuovo inizio, fatto di coscienza e consapevolezza.

      PRIMA PROPOSTA: (seguiranno presto altre iniziative)

      A breve, probabilmente nella sala consiliare del Comune di Magliano de’ Marsi, organizzeranno un incontro INFORMATIVO, con Massimo De Maio dell’associazione FAREVERDE, sui rifiuti, il loro smaltimento, la loro pericolosità. La possibilità, con piccoli accorgimenti di produrli il meno possibile, anche in giornate di festa in montagna.

      E allora, se da un grave errore nasce l’opportunità di una crescita personale e di una cultura alternativa per tutta la comunità … io sono molto meno “arrabbiata” e molto disponibile a dare la mia collaborazione, dove necessario.

      Vi terrò informati.

      p.s. resta comunque il fatto, secondo me, che la sig.ra P.D., e lo sottolineo, ha fatto con il suo intervento,il suo dovere di CITTADINA RESPONSABILE

      DOMENICA 6 LUGLIO BRUTTA GIORNATA SUL MONTE VELINO                                                                                                                                       

      Veramente la giornata era stata bellissima, ma la testimonianza di una giovane escursionista ci fa sapere che in vetta a quota 2000 metri, sono stati bruciati i rifiuti della giornata di festa (per lo più plastica) di tanta gente.

      La mia prima reazione è  stata  di incredulità.

      Ora dopo l’esposto che l’escursionista, testimone del gravissimo  fatto, ha inviato alle autorità preposte, ho contattato il GEV (gruppo escursionisti Velino) responsabile della giornata in montagna per avere la loro versione dei fatti.

       Non mi hanno ancora risposto … spero lo facciano presto … vi farò sapere. 

       

       

      AUTOPRODUZIONE                                                                                                   

       

      Giugno 2014 al Casolare Briciole di ... 

       

      Abbiamo provato con la consulenza di Cristina a fare una crema idratante con cera d’api e olio extra vergine di oliva. Una decina di gogge di olio essenziale di lavanda ed ecco una ottima crema naturale per il viso, il corpo, le mani.

       

      E non solo … un pomeriggio passato insieme sorseggiando una tisana!

      Noi ogni tanto ci vediamo … puoi partecipare anche tu (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. )

       

      VERDE SPERANZA                                                                                                                                                                                         

      Rosciolo, 25 aprile 2014

      Oggi, per caso, mi è capitato di vedere un’intervista di Al jazeera al Presidente Uruguaiano Josè Mujica.

      Vi segnalo il link  http://www.youtube.com/watch?v=iC4eIUFSO2g; nel caso non lo conosceste, vi consiglio di guardare l’intervista (ed altri video a disposizione su youtube) … dovrebbe essere la normalità … ma non ci siamo abituati, quindi  mi ha prima commosso e poi dato un barlume di speranza … 

      Il pensiero politico di Josè Mujica presidente Uruguaiano

      Mujica sostiene che a guidare la vita di ciascuno debba essere il principio della sobrietà:

      « ...Concetto ben diverso da austerità, termine che avete prostituito in Europa, tagliando tutto e lasciando la gente senza lavoro. Io consumo il necessario ma non accetto lo spreco. Perché quando compro qualcosa non la compro con isoldi, ma con il tempo della mia vita che è servito per guadagnarli. E il tempo della vita è un bene nei confronti del quale bisogna essere avari. Bisogna conservarlo per le cose che ci piacciono e ci motivano. Questo tempo per se stessi io lo chiamo libertà. E se vuoi essere libero devi essere sobrio nei consumi. L'alternativa è farti schiavizzare dal lavoro per permetterti consumi cospicui che però ti tolgono il tempo per vivere... Lo spreco è [invece] funzionale all'accumulazione capitalista [che implica] che si compri di continuo [magari indebitandosi] sino alla morte »

       

        AUTOPRODUZIONE                                                                                                  

      Domenica 11 maggio al Casolare Briciole di …

      abbiamo imparato a fare il seitan con la nostra amica Nicoletta;una bella giornata insieme.

      Ora potremmo pensare ad organizzare un'altra giornata di autoproduzione.

      Se avete voglia di imparare o di insegnare a produrre qualche cosa scrivetemi: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.  

       

      Rosciolo, 01 aprile 2014                                                                                                                                                                            

      Ecco qui, finalmente ho un nuovo sito. Devo dire che mi piaceva molto anche il precedente, così semplice familiare, ma purtroppo, non riuscivo a modificare niente in autonomia, quindi era fermo a tanti anni fa.

      Ora riuscirò spero ad inserire foto, notizie, pensieri, tutto ciò che riterrò importante. 

      Ho mantenuto in parte il logo, con l’uccellino al quale sono molto affezionata, disegnato da mia nipote L. 

      Voglio ringraziare Federico, che per realizzarmi questo sito, con pazienza ha “ascoltato” ciò che avevo nel cuore; poi Thierry, Gianluca e Annalisa, Giada, perché ho usato qualche loro bella foto, che ci avevano regalato, passando di qui.

      Spero possa essere utile almeno a qualcuno, perché altrimenti non avrebbe senso. 

      Ma diciamo che intanto è importante per me.